Non bere in gravidanza: la campagna del mese per sensibilizzare sulla FASD

Una donna in dolce attesa non dovrebbe bere in gravidanza. Il motivo? La tragica possibilità che il neonato possa sviluppare una sindrome - Sindrome feto alcolica, FASD in sigla in inglese – causa di seri deficit nell’apprendimento e di disturbi nel comportamento. Gli studiosi sono ancora al lavoro per capire meglio le caratteristiche di questa malattia, ma su una cosa sono tutti concordi: non assumere alcol in gravidanza riduce a zero questo rischio.

Per aumentare la consapevolezza verso questa patologia, un team internazionale di medici, esperti e comunicatori ha lanciato una campagna sociale digitale a partire dal 9 settembre, data simbolo perché racchiude nel mese e nel giorno il numero 9, come i 9 mesi necessari a portare a termine una gravidanza. Con il supporto di Fabrica e un hashtag dedicato – #TYTD2015, sigla di too young to drink, troppo giovane per bere – i social media sono stati coperti da una valanga di tweet, foto e messaggi per diffondere questo messaggio.

non bere in gravidanza

La partecipazione altissima in tutto il mondo, in ogni angolo del pianeta, Italia inclusa.

 

 

Il bello di una campagna digitale è che chiunque può partecipare e dare il suo contributo, in qualsiasi momento. Per partecipare e contribuire a diffondere il messaggio e invitare a non bere in gravidanza puoi usare il tag #FASD o #TYTD2015. Passaparola.

A seguire lo spot realizzato per la campagna 2014 per invitare a non bere in gravidanza: